banner profili3
cosa cerchi6 S

Monkeypox: cosa c'è da sapere. LILA:"No allo stigma, non si ripetano gli errori del passato

RicercaDa alcune settimane comunità scientifica, servizi sanitari e opione pubblica sono alle prese con una malattia infettiva denominata "Monkeypox" (MPXV), il cosiddetto "vaiolo delle scimmie". E' la prima volta che focolai di questa infezione si manifestano in aree del mondo come Europa, Stati Uniti, Canada dove, finora, si erano verificati solo casi sporadici, legati direttamente ai paesi in cui si manifestano in modo endemico. Il virus si diffonde per contatto e, generalmente, non produce esiti gravi. Tuttavia in alcuni gruppi di popolazione (donne in gravidanza, bambini piccoli, persone immuno-compromesse) può produrre esiti più seri; è bene perciò arginarne la diffusione. La corretta infromazione è, come sempre, la prima arma. Tuttavia, alcune narrazioni mediatiche hanno assunto, come già accaduto per l'HIV/AIDS, un tenore stigmatizzate, legato al fatto che i nuovi focolai abbiano riguardato soprattutto MSM (uomini che fanno sesso con uomini). Dura la censura della LILA: "Così si lede la dignità delle persone e si rischiano gravi danni alla salute pubblica". 

Vai all'articolo per saperne di più