Global Aids Strategy 2021/2026. End inequalities. End Aids.

Data: 25 marzo 2021
Autore: UNAIDS

UNAIDS ha adottato una nuova Strategia Globale AIDS 2021-2026 per portare ogni paese e ogni comunità sulla strada giusta per porre fine all'AIDS come minaccia alla salute pubblica entro il 2030.

Porre fine alle disuguaglianze. Porre fine all'AIDS è il nuovo coraggioso approccio che si serve di una prospettiva incentrata sulle disuguaglianze per eliminare le differenze che frenano il processo verso la fine dell'AIDS.

La strategia globale contro l'AIDS mira a ridurre queste disuguaglianze e dare la priorità alle persone che non stanno ancora accedendo ai servizi salvavita contro l'HIV stabilendo azioni prioritarie basate sull'evidenza, e obiettivi coraggiosi per porre fine all'AIDS come minaccia alla salute pubblica entro il 2030.

Si basa sui diritti umani, sull'uguaglianza di genere e sulla dignità delle persone, sull’eliminazione dello stigma e della discriminazione per tutte le persone che vivono con l'HIV ed è il risultato di un'ampia analisi dei dati sull'HIV e di un processo inclusivo e di consultazione con paesi, comunità e partner.

Attingendo alle lezioni chiave apprese dall'intersecarsi delle pandemie di HIV e COVID-19, la Strategia sfrutta gli strumenti e gli approcci già collaudati nella risposta all'HIV, identificando con precisione le ragioni per cui la risposta è stata mancata. La Global Aids Strategy delinea le priorità strategiche e le azioni che devono essere implementate dai partner globali, regionali, nazionali e comunitari per raggiungere l’obiettivo della fine dell'AIDS. Fa leva su quattro decenni di esperienza nella risposta all'HIV, sostenendo i governi, i partner e le comunità a "costruire di nuovo meglio", supportando i sistemi per la salute ad essere più resilienti e a mettere le persone al centro. Questa Strategia delinea anche una nuova, audace chiamata all'azione per il Programma Congiunto UNAIDS per promuovere il ruolo di leadership nella risposta globale all'HIV e per implementare la Strategia. E la Global Strategy richiede che la risposta all'HIV sia pienamente finanziata e implementata con efficacia e urgenza.

La Global Strategy mette le persone al centro e mira a intraprendere azioni prioritarie per migliorare la salute e la qualità della vita delle persone con l'HIV.

Si basa su tre priorità strategiche e interconnesse: 1) massimizzare l'accesso equo e paritario a servizi completi per l'HIV incentrati sulle persone 2) abbattere le barriere legali e sociali per raggiungere i risultati 3) fornire risposte e risorse efficaci contro l’HIV integrandole nei sistemi sanitari, di protezione sociale, nei contesti umanitari. La prevenzione dell'HIV per le popolazioni chiave e prioritarie è oggetto di un'urgenza e un'attenzione senza precedenti nella Strategia, e invita i paesi a utilizzare appieno potenziale gli strumenti di prevenzione dell'HIV, in particolare per le ragazze adolescenti e le giovani donne dell'Africa sub-sahariana, i lavoratori del sesso, le persone che utilizzano droghe iniettive, gli uomini gay e MSM, le persone transgender e le persone detenute.

“Quest'anno segna 40 anni dalla segnalazione dei primi casi di AIDS e 25 anni dall'istituzione dell'UNAIDS. Siamo in un momento critico nel nostro sforzo storico per porre fine all'AIDS", ha detto Winnie Byanyima, direttore esecutivo dell'UNAIDS. "Come l'HIV prima di esso, COVID-19 ha dimostrato che le disuguaglianze uccidono. COVID-19 ha ampliato quelle già esistenti che bloccano il progresso verso la fine dell'AIDS. Ecco perché sono orgoglioso che la nostra nuova strategia metta al centro la lotta alle disuguaglianze. Dobbiamo cogliere questo momento per garantire l'uguaglianza sanitaria per tutti al fine di battere COVID-19 e porre fine all'AIDS".

"L'Organizzazione Mondiale della Sanità è lieta di approvare la Global Strategy sull'AIDS per i prossimi cinque anni, con la sua visione ambiziosa per porre fine alle disuguaglianze di genere e realizzare i diritti umani, compreso il diritto alla salute, invitando tutti i partner e le parti interessate nella risposta all'HIV in ogni Paese a trasformare le norme di genere inique e a porre fine allo stigma e alla discriminazione", ha detto Tedros Adhanom Ghebreyesus, Direttore Generale dell'Organizzazione Mondiale della Sanità e presidente del Comitato delle Organizzazioni Sostenitrici di UNAIDS. "Affinché questa strategia sia pienamente realizzata, l'OMS continuerà a sostenere tutti i paesi a rafforzare i sistemi sanitari e soprattutto l'assistenza sanitaria di base, sulla strada verso la copertura sanitaria universale".

"Il Global Network of People Living with HIV (PNL+) sostiene pienamente la Strategia Globale AIDS 2021-2026. Il quadro salvavita della strategia per porre fine alle disuguaglianze è fondamentale per porre fine all'epidemia di AIDS e raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile", ha detto Alexandra Volgina, Program Manager, PNL+.

Allegati:
Accedi a questo URL (http://www.lila.it/images/doc/mondo/UNAIDS2021-GlobalStrategy.pdf)Global Aids Strategy 2021/2026[2.070 Kb]

Stampa   Email