Legge 135La legge 135 sull’HIV/AIDS compie trent’anni. Un film-documentario della LILA ricorda tre decenni di battaglie.

Il 5 giugno di trent’anni fa entrava in vigore la legge 135/90, il primo piano d’interventi urgenti in materia di prevenzione e lotta all’AIDS. La 135 è una buona legge che ha sancito, una volta per tutte nel nostro paese, il diritto alla salute e alla dignità delle persone con HIV nonostante il clima, purtroppo tuttora perdurante, di stigma, caccia alla streghe e aloni viola. La 135/90 arrivò anche grazie alle battaglie di tanti e tanti. La LILA ne fu una protagonista di primo piano. In occasione di questo anniversario, vi invitiamo alla visione di un estratto del docu-fim di Simone Pera: “Nome di battaglia LILA” che ricostruisce tre decenni di lotte durissime e generose in nome dei diritti e della dignità di tutti e tutte. Le istituzioni non sempre sono state all’altezza di questa importante sfida ma ora è urgente che il Ministro della Salute e il Governo ci ascoltino per lavorare insieme ad un aggiornamento della legge rispettandone lo spirito. 

 

Vai al comunicato stampa 

Vai all'estratto del film "Nome di battaglia LILA"

OMS EuropaCall to action in response to COVID-19

OMS Europe e società civile europea, tramite il loro organismo di collaborazione, il Regional Collaborating Committee on Accelerated Response to Tuberculosis, HIV and Viral Hepatitis (RCC-THV),hanno lanciato un appello contente diverse raccomondazioni agli stati membri su come rispondere al COVID-19, senza trascurare la necessaria assistenza ai milioni di cittadini e cittadine europei che sono colpiti da tubercolosi, HIV ed epatiti. All'elaborazione del documento ha partecipato Lella Cosmaro, responsabile LILA per le relazioni internazionali che, in questa intervista, spiega obiettivi e punti qualificanti dell'appello. Attenzione puntata sulle popolazioni più vulnerabili.

Al link è disponibile anche il testo dell'appello in taliano e in inglese. 

Roberto Speranza 2020 Emergenza COVID: “rischio arretramento per i servizi HIV. Il Ministro Speranza ci ascolti”

Lettera aperta delle associazioni al Ministro della Salute Roberto Speranza, promossa dalla LILA. Nell’appello si chiede un incontro urgente al Ministro per discutere del futuro dei servizi di cura, screening e prevenzione dell’HIV, provati dall’emergenza COVID. “L’Italia continui a tutelare la salute delle persone con HIV e rispetti i richiami OMS e UNAIDS  – si chiede nell’appello - nessun arretramento nella risposta all’HIV o l’infezione può tornare a crescere”.

Vai al comunicato stampa

Vai alla lettera aperta

 

UNAIDS infograficaUNAIDS e COVID-19: ciò che devono sapere le persone con HIV. Cruciale il rispetto dei diritti umani

Di fronte all'espandersi della Pandemia da COVID-19, UNAIDS ha stilato una serie di raccomandazioni per le persone con HIV, raccogliendo tutte le informazioni, al momento disponibili sulla possibile interazione tra i due virus. Il programma ONU per la lotta all'AIDS, ha lanciato, nel contempo, anche un appello agli Stati Membri, affinchè, nel contrasto all'epidemia, si agisca nel pieno rispetto dei diritti umani e coinvolgendo le comunità. Due i documenti prodotti da UNAIDS. 

Vai all' articolo: "Ciò che l persone con HIV devono sapere su HIV e Covid-19" 

Vai all'articolo: "Covid 19 e diritti umani"

Covid 19HIV e COVID-19: tutti gli aggiornamenti

Cresce l’attenzione degli attivisti e delle ONG alle possibili interazioni tra HIV e COVID-19 ma anche la vigilanza sull’impatto che la pandemia può avere sui servizi di prevenzione e trattamento dell’HIV. Intanto è importante che le PLWHIV evitino in tutti i modi di esporsi al virus, che prendano nota dei cambiamenti di orari e prestazioni in corso e che si tengano informati sulle norme generali e specifiche volte ad evitare il contagio. Sul nostro sito potrai trovare molte delle informazioni ad oggi disponibili. A tutto il personale ospedaliero impegnato in questa difficile emergenza va la piena solidarietà della LILA.

Per tutte le informazioni vai all’articolo

Questa difficile emergenza impone molte riflessioni sul ruolo del Servizio Sanitario Pubblico, sul suo coordinamento nazionale, sull’importanza della sua universalità e sulla cultura della prevenzione in Italia. L’esperienza dell’HIV poteva e può insegnare qualcosa? 

Leggi l’articolo

 

Immagine uu 1Consensus Conference U=U: ecco il documento ufficiale

Pubblicato il documento frutto della Consesus Conference UequalsU, svoltasi lo scorso novembre a Roma, che ha riconosciuto la validità del principio U=U, Undetectable=Untrasmittable. Si tratta della rivoluzionaria evidenza scientifica secondo la quale, una persona con HIV in terapia efficace, con viremia stabilmente non rilevabile, non trasmette il virus. Promossa da SIMIT, ICAR, associazioni e community, tra le quali la LILA, la Conferenza, e il documento che né è seguito, rappresentano un passo storico per la storia dell’HIV nel nostro paese. La pubblicazione del documento sul sito della Ministero della Salute avvalora questa svolta epocale. 

Vai all'articolo

BETTER1HIV e assicurazioni: ancora troppe discriminazioni, partono i gruppi d’acquisto con “BetterTogether”

Ci sono settori della nostra vita di cittadini e cittadine da troppo tempo preclusi alle persone con HIV: mutui, accesso al credito, assicurazioni. Si tratta di discriminazioni gravi perché ledono l’esercizio di importanti diritti e rendono impossibile anche assolvere a precisi doveri richiesti dalle legge. Per questo stanno nascendo nel campo assicurativo dei gruppi d’acquisto tra persone con HIV. A proporli, nei settori, vita, viaggi, salute e infortuni è la società ”Better Together”. La LILA sostiene questa iniziativa che, oltre a venire incontro alle esigenze negate delle persone con HIV, punta anche imporre un cambiamento di rotta alle Compagnie.

Leggi qui per saperne di più

 

 

La campagna Lila sulla TasP

È la prima campagna italiana dedicata al tema della TasP (treatment as prevention) e aderisce alla più ampia campagna internazionale “U=U, Undetectable=Untrasmittable”, ossia “Non rilevabile = Non trasmissibile”. L'obiettivo è diffondere una recente quanto straordinaria acquisizione scientifica:le persone con HIV che seguono regolarmente le terapie e che abbiano stabilmente conseguito una carica virale non rilevabile, non trasmettono il virus. Scopri di più

tel

Se hai dei dubbi chiamaci. Ponici le domande che l’Aids ti pone
La Lila è presente sul territorio con le sue sedi locali. Se hai bisogno di informazioni, ascolto e orientamento ai servizi qui trovi giorno per giorno, i numeri Lila che puoi chiamare, nel rispetto dell'anonimato. 
frecciaLila Helpline

banner lilanews notizie