In Europa

Lotta contro HIV/AIDS resta un problema di salute pubblica e una priorità politica per l’Europa

Data: 27 ottobre 2009
Autore: Forum della Società Civile su HIV/AIDS della Unione Europea

Comunicato stampa del Forum che commenta positivamente l'inclusione dell'HIV/AIDS tra gli obiettivi prioritari della salute nell'UE e nei Paesi Vicini.

La lotta contro HIV/AIDS nell’Unione Europea e nei paesi vicini, 2009-2013

Data: 26 ottobre 2009
Autore: Commissione Europea

Comunicazione della Commissione al Parlamento Europeo, al Consiglio, al Comitato economico e sociale europeo e al Comitato delle regioni. Il documento - basato sui principi e sulle priorità stabilite nel documento di lavoro della Commissione "Coordinated and integrated approach to combat HIV/AIDS within the European Union and in its neighbourhood" (Un approccio coordinato e integrato della lotta con l’HIV/AIDS nell’Unione europea e nei paesi vicini) - espone le principali linee d’azione fino alla fine del 2013.

Il forum della società civile su Hiv/Aids (CSF)

Data: aprile 2009
Autore: Lila - Alessandra Cerioli

Presentazione del Civil Forum: partecipanti, obbiettivi, l'attività passata e i programmi futuri.

Appello contro le restrizioni alla mobilià delle persone con Hiv in Europa entro il 2010

Data: 3 novembre 2008
Autore: Civil Forum

Nel 2010, a Vienna, si terrà la Conferenza internazionale sull'Aids. L'appello è rivolto a  Istituzioni e Governi affinché, almeno nei 21 paesi europei in cui sono ancora in atto restrizioni all'ingresso e alla residenza delle persone sieropositive, queste norme discriminatorie vengano abolite entro quella data.

8° meeting della Società Civile su Hiv/Aids

Data: 3-4 novembre 2008
Autore: Lila (José Rojas Lima e Silva)

Nell'8° meeting sono stati discussi i suggerimenti per la Comunicazione della Commissione al Condiglio e Parlamento europeo sulla lotta contro l’HIV/AIDS nell’Unione europea e nei paesi vicini (2010-2014) e, sullo stesso argomento, la preparazione alla XVIII Conferenza internazionale; la campagna affinché la sieropositività rientri nelle disposizioni europee relative alla discriminazione; la ricerca effettuata che raccoglie evidenze in materia di stigma correlato all'Hiv; l'operato delle presidenze di turno dell'UE.

Raccomandazioni sull’accesso universale ai servizi Hiv per immigrati e minoranze etniche nella Regione Europea

Data: aprile 2007
Autore: Forum della Società Civile sull’HIV/AIDS

Il prossimo semestre della Presidenza Europea sarà il Portogallo.
Anche nell’agenda della Presidenza Portoghese sarà presente il tema dell’HIV – AIDS. Il focus sarà sull’immigrazione.
Il Forum della Società Civile sull’HIV/AIDS come nel ruolo che gli spetta sta lavorando per arrivare a influenzare le raccomandazioni che usciranno dalla Presidenza Portoghese.

Relazione sull'evoluzione del fenomeno droga in Europa

Data: giugno 2008
Autore: Osservatorio europeo delle droghe e delle tossicodipendenze

Relazione annuale che l'osservatorio europeo ha diffuso in cui si analizza l'evoluzione del fenomeno droga in Europa.

Vai al documento

Migrazione e Hiv/Aids: Raccomandazioni della Società Civile

Data: 29 Gennaio 2008
Autore: Lila, ONG per la lotta contro HIV/AIDS Internazionali, Società Civile internazionale. Traduzione Italiana a cura di Lila (Ilaria Carlini)

Raccomandazioni della Società Civile, elaborate nell’ambito della Conferenza Europea su  “Il diritto alla prevenzione, trattamento, cura e aiuto per i migranti e le minoranze etniche con HIV/AIDS in Europa: le prospettive della comunità” (Lisbona, giugno 2007). Esse ricapitolano le principali criticità, facendosi portavoce di immigrati e minoranze etniche, e riassumono le conoscenze, competenze ed esperienze di specialisti che, da diversi punti di vista, si occupano di HIV/AIDS, migrazioni e minoranze etnico-culturali.
Scopo delle seguenti Raccomandazioni è di fornire informazioni utili ai leader politici, ai coordinatori nazionali AIDS e agli altri interlocutori, evidenziando la necessità di intraprendere azioni concrete. Esse sono da utilizzarsi, a livello sia nazionale che internazionale, come principi-guida elaborati dalla prospettiva della comunità.
Note: Le seguenti raccomandazioni sono state adottate come posizione ufficiale sul tema dell’HIV/AIDS e migrazioni dal Forum della Società Civile sull’HIV/AIDS della Unione Europea nel gennaio 2008.  
Le raccomandazioni sono state inviate ai Ministri della Salute dei 53 paesi dell'Europa allargata.

Stato di attuazione delle raccomandazione UE sulla prevenzione e la riduzione del danno

Data: maggio 2007
Autore: Commissione Europea

Documento che relaziona sull'attuazione della raccomandazione del Consiglio del 18 giugno 2003 sulla prevenzione e la riduzione del danno per la salute causato da tossicodipendenza.
Il documento aggiorna sullo stato di avanzamento dei progetti, legati al fenomeno droga, dell’UE con attenzione specifica per prevenzione e riduzione dei rischi.
L’aggiornamento è reso obbligatorio dalla raccomandazione Catania del 2003 ed è la fase di avvicinamento agli Stati Generali antidroga di Vienna previsto per il prossimo anno.

Vai al documento

Report dalla conferenza di Brema sulla responsabilità e il partenariato – Insieme contro l’Hiv/Aids

Data: marzo 2007
Autore: Lila - Alessandra Cerioli

Sintesi e impressioni dalla conferenza. Le integrazioni a questo report provengono dalla “4° riunione del Forum della Società Civile della UE” svoltasi a Brema a conclusione della Conferenza Ministeriale.

Dichiarazione di Brema sulla responsabilità e il partenariato – Insieme contro l’Hiv/Aids

Data: 13 marzo 2007
Autore: Ministri e rappresentanti dei governi di Stati membri dell’Unione Europea e dei Paesi vicini responsabili della salute, insieme ai partner internazionali impegnati contro l’HIV/AIDS, alla Commissione Europea, al Ministro per la Cooperazione Economica e lo Sviluppo e al Ministro per l’Istruzione e la Ricerca. Traduzione Italiana a cura di LIla (Ilaria Carlini)

Dalla Conferenza Ministeriale “Responsabilità e Partenariato – Insieme contro HIV/AIDS” avvenuta il 12-13 marzo a Brema è stata stilata la seguente Dichiarazione che prossimamente sarà presentata per l’approvazione finale dalla Presidenza Europea al Consiglio dei Ministri Europei.